.241.

Ok, deciso.

Prossimo acquisto: reflex digitale.

La compatta stenta, dato che devo comprarne una nuova, faccio il salto.

Ora però devo decidere il modello. Ovviamente una entry level, sempre di me si tratta!

Tra nikon e Canon sceglierei…..Pentax!

Sono affezionato alla mia K1000 manuale, affidabile, senza fronzoli.

Tra l’altro, parlando di modelli base, la scelta sarebbe tra Nikon D3200, Canon D1200 e Pentax K500.

Le differenze sostanziali ci sono: Canon e Nikon sembrano più plasticose, mentre Pentax sembra più robusta.

Inoltre, una differenza sostanziale è all’interno: Canon e Nikon hanno il pentaspecchio, Pentax il pentaprisma (e non è roba da poco).

Qualitativamente stiamo sempre parlando di giocattoli, però il pentaprisma è tanta roba.

Altro vantaggio della Pentax: non ha cambiato l’attacco degli obbiettivi. Praticamente, a quanto sto capendo, potrei utilizzare i miei vecchi obbiettivi manuali (ovviamente, senza autofocus).

Qualcuno di voi ce l’ha già? Può darmi conferma?

.239.

Oggi ho ripreso la bici dopo la caduta della settimana scorsa.
Nonostante sia fuori allenamento, nonostanto il caldo, ho avvertito il vantaggio di non dover più portare in salita i 4kg buttati giù con la corsa. Eccome se fanno la differenza!

.238.

Mi sa che è arrivato il momento di guardarmi intorno.

Lo so che attualmente occupo una posizione provilegiata, lavoro continuativamente nello stesso posto da 14 anni.

Ma credo proprio che si stia arrivando al capolinea.

In un altro momento storico avrei anticipato i tempi e me ne sarei andato per conto mio, per cercare fortuna altrove, ma non è proprio il periodo migliore per farlo!

.237.

Ieri incidente con la bici.

Non mi era mai successo.

Strada scarsamente trafficata, asfalto buono, ma tra asfalto e sterpaglia laterale c’è un gradino di 15 cm, pericolosissimo. La ruota anteriore è andata a finire tra la sterpaglia, pensavo di riuscire a recuperarla, la velocità non era molto sostenuta (intorno ai 20). Ma avevo sottovalutato il gradino, la bici non poteva rimettersi dritta, la ruota non poteva salire lo scalino senza fermarmi. E così, la bici ha deciso di fermarsi da sola. La ruota anteriore, mentre cercavo di gestirla, improvvisamente si è impuntata e si è completamente girata.

E io, che non sono proprio un peso piuma, sono stato sbalzato in aria.

La cosa che più mi ha colpito è stato il rumore del mio mento sull’asfalto.

Prima che arrivasse il dolore, ho avuto la prontezza di rotolarmi nella sterpaglia per togliermi dalla carreggiata e di pensare “Porca miresria, mi sono rotti i denti”.

Mi alzo, tolgo la bici dalla strada, prendo la borraccia e mi sciacquo la bocca. Risputo. Niente sangue. Solo un dolore alla mascella. Escoriazioni sul mento e sul ginocchio destro. Un po’ di sangue. Praticamente non mi sono fatto niente. Mi sarebbe potuta andare molto peggio, spezzarmi denti, arti. E invece sono risalito in bici e ho continuato il percorso, quasi senza problemi. Con un brivido di adrenalina che mi ha percorso la schiena quando improvvisamente, in una strada di campagna, subito dopo una curva, ho notato a terra le striature verdi in movimento di un serpente, sottile ma lungo, che, per l’esperienza appena precedente, non ho potuto evitare, andando dritto e prendendolo purtroppo sulla coda.

Decisamente la mia giornata!!

.235.

Sono un amante del bianco e nero. Specialmente in fotografia.

Però, ogni tanto, devo riconoscere che i colori della natura vale proprio la pena metterli in mostra.

Un esempio delle due versioni

SDC16781_

Lago di Bracciano. Versione a colori

SDC16781__

Lago di Bracciano. Versione bianco e nero